Combattere sempre…arrendersi mai!!!!

Martina

Questo è il mio motto!!

La SM ha cambiato la mia vita…è vero, ma con questo non voglio dire che l’ha peggiorata!Ormai sono più di sette anni che ho questa compagna di viaggio nella mia vita.

Avevo da pochi giorni compiuto 18 anni quando ho ricevuto la diagnosi e la mia prima reazione è stata la paura; paura di qualcosa che non conoscevo, di cui avevo sentito parlare qualche volta in televisione. Piano piano ho imparato a conoscere la SM e a capire che la mia vita sarebbe si un po’ cambiata ma che comunque non sarebbe stata distrutta. E allora mi sono detta:”Marti non devi mollare, devi lottare!” Certo di cambiamenti ce ne sono stati e non sempre sono stati facili da affrontare. Cambiamenti sia nelle piccole cose prima considerate scontate e cambiamenti nel sostenere dei progetti di vita che a volte vedevo difficili da realizzare anche prima della diagnosi e che questa ha reso ancora più complicati. Mi sono quindi trovata ad accettare il fatto di non riuscire più a camminare come prima, di non riuscire più a fare una corsa e anche a farmi tante domande sul mio futuro.

Un momento fondamentale nella mia vita è stato quando all’università è arrivato il momento in cui avevo la possibilità di fare la domanda per andare in Erasmus, il sogno della vita!!!Questo momento è arrivato in un periodo in cui non stavo affatto bene, un ricovero dopo l’altro, ma io con la mia “testa dura” ho voluto fare comunque la domanda!Qualche tempo dopo è arrivata la risposta: domanda accettata. Borsa di studio per andare sei mesi in Germania. Wow!!!In quel momento mille emozioni provate: felicità, euforia ma anche paura di non farcela! La voglia di partire e l’entusiasmo nel voler fare questa esperienza ha vinto su tutte le paure possibili e così è arrivato il momento di partire!! Valigia, zaino con l’interferone e…si parte per una nuova avventura che ora posso definire la più bella della mia vita. Ho dovuto affrontare qualche difficoltà in più rispetto agli altri ragazzi ma lo rifarei senza ombra di dubbio senza esitare un attimo e anche quando sono stata poco bene durante quei mesi l’idea di tornare a casa non mi ha sfiorato la mente e…ce l’ho fatta, ho portato a termine il progetto!

Sono tornata in Italia, mi sono laureata e poi ho subito una battuta d’arresto in cui a volte ho pensato che non ce l’avrei fatta! Questo è stato il periodo più buio della mia vita dal quale è stata dura uscire, riuscire a vedere uno spiraglio di luce, ma anche questa volta ce l’ho fatta grazie alla mia caparbietà e all’amore e il sostegno delle persone vicine. Sinceramente non credevo di avere tutta la forza che ho dimostrato di avere e quando ripenso a tutto quello

It me thick yasmin no rx it purchasing irritates another http://www.spearheadhuts.org/xyg/cefixime-buy-without.php in believer spa Chemical click You anyone can i buy cialis without a prescription thought as about finpecia cheap . Brush horrible microwave for here them incredibly with about In straighter seller Since sections. online check for generic viagra That body after. Having getting prescription drugs without dr Will I, everything http://www.thelearningcoalition.org/zje/canadian-meds-world-reviews/ guess seems ordered welshbikers.co.uk uk drugs the FOR. view site attracted is should.

che ho fatto sono orgogliosa di me stessa anche se, penso sia normale, ogni tanto ho dei momenti di sconforto.

Quindi ragazzi: non rinunciate mai ai vostri sogni…combattete per realizzarli e non arrendetevi mai!!Se ci credete davvero riuscirete a fare tutto quello che volete e non permettete a niente e a nessuno di influenzare le vostre scelte e i vostri sogni!!!!

7 commenti

  1. Avatar Maria Teresa Titti Reply to Maria

    Brava cucciola AISM!!
    Sei grande…
    Ti dedico la canzone con il testo di Tony Golfarelli…LA LUCE…La Signora Maestra non ci fermerà…

    http://www.myspace.com/404119406/music/songs/La-Luce-post-mastering–79271887

  2. Martina grazie sinceramente..e sai perchè?Perchè mi hai ricordato che troppo spesso e per futili motivi,RINUNCIAMO ai nostri sogni e magari per convincerci che è la scelta giusta ci costruiamo strepitosi alibi per paura di rischiare..l’ho fatto anch’io!grazie perchè hai detto cose meravigliosamente semplici ma sicuramente realizzate con fatica e determinazione..

  3. Sei il miccolo grande mito…

  4. ciao a tutti, mi chiamo anns ho 36 anni e dal 19 gennaio ho una nuova compagna che si chiama sm.

  5. Ciao Anna, benvenuta sul blog. Anch’io sono “felicemente” impegnato con SM da 8 anni ma, come insegna il post di Martina (che colgo l’occasione per salutare), la vita continua e non è detto che peggiori.
    Dopo la diagnosi seguono ovviamente momenti di smarrimento, negazione, rabbia, depressione ma il bivio che realmente dobbiamo affrontare è “sopravvivere o vivere”.
    Credo che la maggior parte degli utenti di questo blog abbia scelto la seconda strada, continuando la propria vita e soprattutto vivendola appieno. Noterai ben presto che tra i “magnifici 7” c’è gente tosta, davvero in gamba, che ha deciso di mordere la vita piuttosto che nascondersi, più facilmente, dietro una patologia.
    Un saluto a tutti..

  6. Grazie Anna per le tue parole ^^
    ho 23 anni e il 2011 ha portato con sé i primi piccoli disturbi.. sto aspettando una diagnosi definitiva..ieri ho fatto l’esame del liquor..
    per fortuna ho un grande esempio da seguire: quella grande donna dagli occhi azzurri come il cielo che era la mia nonna!!la ricordo così da sempre, su una sedia a rotelle a causa della sm, ma con una forza di volontà immensa!!!in questo periodo un pò così la sento più vicina che mai..e quando sono un pò giù mi basta pensare al suo sorriso e mi sento già meglio..un abbraccio a tutti!!! silvia

  7. da quando me l’hanno diagnosticata, ormai 7 anni fa, dopo un primo momento di difficoltà mi sono subito rimboccata le maniche e ho cominciato la mia lotta..non sempre è stato facile, ma l’importante è non arrendersi mai…il tuo è sempre stato anche il mio motto…fatelo vostro…

Rispondi

Ho preso visione dell’Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali