Sempre la stessa storia!!!

Martina

Vi è mai successo di rivivere la stessa situazione più volte?A me si…e non per scelta mia!Voglio condividere questa cosa per cercare di trovare delle risposte a domande che non fanno altro che rimbombarmi nella testa in cerca di un rifugio che io non riesco a trovare.

Dalla scorsa estate ho vissuto delle storie (se storie le vogliamo chiamare!) con ragazzi molto diversi tra loro ma che con me si sono comportati nello stesso identico modo. A volte addirittura stentavo a credere alle mie orecchie perché era come vivere un déjà vu, ma no…stava succedendo ancora una volta!!!

All’inizio tutto va bene, come sempre del resto. C’è entusiasmo per una nuova storia, la voglia di conoscersi, di stare insieme, è così bello che quasi non ci credo ma è così e ne sono felice. Ma…all’improvviso tutto cambia e senza un motivo! Tutto finisce così…senza una vera spiegazione se non le classiche cose dette e ridette: “Non sono pronto per una nuova storia…”, “Non voglio farti soffrire…”, “è meglio se la finiamo qui prima che diventi qualcosa di serio…”. Ma dico io???Vuoi almeno dirmi PERCHè?? E quel che è peggio puntualmente dopo poco tempo che succede?? Che li vedi con un’altra e fanno tutto quello che con te non si poteva fare, che dicevano di non essere pronti a fare!Ma come??Allora come dovrei sentirmi se non profondamente presa in giro???E così le paranoie ritornano a torturarmi la testa:”Il problema sono io!”, “Che cosa ho io che non va?”, “Perché io no e con le altre si?”, e soprattutto: “Il problema è la SM??”.

La conclusione è che io ripiombo in uno stato di insoddisfazione e tristezza, che mi sento sbagliata in tutto quello che faccio e in difetto verso tutto e tutti! Perché sbaglio sempre?

 

26 commenti

  1. ……..ciao Vale!Il tuo post mi colpisce molto.e indovina perchè???Sto vivendo il tuo stesso momento.Dopo tanti anni,il mio lui mi ha lasciata in una maniera a dir poco orribile!Preso da problemi personali non ce l’ha fatta a sostenere il nostro rapporto………e che vuoi che ti dica?!La mia patologia è stata una delle motivazioni anche se lui l’ha negato e non è riuscito a dirmelo con sincerità.Questi uomini fanno parte sella categoria dei vili,degli insensibili….e a volte l’ignoranza,il pregiudizio prendono il sopravvento!In queste situazioni devi solo pensare che non hai perso nulla,anche se,capisco…che non è facile pensarlo.Purtroppo non abbiamo il potere di entrare nella mente delle persone e a volte dobbiamo pensare che non tutti sono forti,non tutti sono coraggiosi,non tutti farebbero qualsiasi cosa per la propria lei/lui,non tutti amano nella gioia e nel dolore.Tu devi solo pensare positivo,arriverà il tuo principe..quando meno te lo aspetti.Io sono caduta in depressione e nonostante svariati mesi di psicoterapia ancora non riesco ad uscirne.La mia era una storia molto importante,lui faceva già parte del mio futuro…!!!E…è dura perchè poi subentrano tante altre paure.Per questo ti dico,non permettere a nessuno di renderti insicura,triste ed infelice…sarai solo tu a stare male e non è assolutamente giusto!!!Positiva…fallo per me,anche se non sai neppure chi sono…fallo per te e per tutti quelli che ti hanno sempre offerto con tanto piacere una spalla su cui piangere.Non cadere in vortice che non ti appartiene.Vedrai ….l’Amore arriverà e sarà bellissimo perchè non dovrai accontentari…ma viverlo!In gamba Vale!

  2. Perdonami…perchè ti ho chiamata Vale???Mmmmmmm…..non lo so!ah..ah…ah!Scusa Martina!

  3. Secondo me tu sbagli a considerare i ragazzi che frequenti più maturi di quello che realmente sono. Ma in ogni caso, a prescindere dalla maturità, chi come te e me ha la Sclerosi Multipla si scontra obiettivamente di fronte al muro dell’accettazione.

    Molto spesso siamo noi stessi in primis a non accettare la malattia, figurati le altre persone!

    Noi siamo pur sempre dei diversi, con una malattia bruttissima che potrebbe pregiudicare equilibri familiari fatti di quotidianità che un uomo o una donna sani potrebbero non accettare di compromettere. E non possiamo nemmeno biasimarli per questo.

    Ecco perchè è importante essere sinceri fin dall’inizio, comunicando il nostro stato senza nascondere nulla. Capisco che così diventi difficile trovare l’anima gemella, ma almeno non ci si illude.

  4. Marti..è inutile raccontare la mia storia, la conosci bene. Più di sette anni trascorsi con la persona che ami, con cui credi di poter costruire un futuro..lo immagini ad attenderti all’altare, o la sera quando rientri da lavoro. Poi improvvisamente tutto l’amore che ti ha dato, che ti ha raccontato..svanisce in un attimo. Puf! Così, senza un perché. Ti dicono che sono in crisi con se stessi, che il problema non sei tu..ma intanto ti mollano senza un perchè e ti lasciano sprofondare in un vortice..perchè nn riesci a capire. Poi scopri che si sono invaghiti, innamorati..di un’altra. Un’altra che non ha nulla più di te..ha solo un paio di stampelle in meno. E allora ti interroghi..proprio come fai tu. Sono passati dei mesi e sarei ipocrita nel dire che non soffro ancora..forse meno, forse in maniera diversa..ma fa ancora male.
    In questi mesi mi sono chiesta perché? Fino al giorno prima mi diceva che la sua vita..mi ha aiutato ad accettare la malattia, le stampelle..mi è stato vicino per molti anni: abbiamo riso, ci siamo amati..e poi il nulla. Spesso mi chiedo se lui non abbia scelto un’altra proprio perchè si era stancato delle mie stampelle. Anche su lui non me lo ha mai detto. Spesso mi chiedo se mai un ragazzo si avvicinerà a me, se sarà capace di guardare oltre. A volte mi rispondo di no..e mi odio profondamente; altre volte penso in positivo..e mi ripeto che ci sarà nel mondo una persona in grado di amarmi per quel che sono, sempre e cmq, a prescindere da tutto. Non è semplice, lo so. Ne abbiamo parlato tante volte, ma solo adesso posso capirti..perchè prima mi sentivo amata, stimata, protetta. Oggi mi sento spesso sola, mi manca qualcosa. Ho il bisogno di amare ed essere amata, ma ho anche capito che se chi ti sta di fronte non ha il coraggio (e sono buona), di dirti la verità, di essere sincero..allora non è l’uomo giusto per me. Anche se mi ha fatto sognare per anni, per mesi o solo per pochi giorni.
    Marti, tu non sei sbagliata, non lo sono io e non lo è nessuno. Perchè dovremmo esserlo noi e non loro? Il problema non è neppure la SM..ma nella profondità di chi tu sta di fronte.
    Personalmente sono stanca di piangere, sono stanca di distruggermi. Io voglio ricominciare da me. Voglio vivere la mia vita, raggiungere i miei obiettivi..e sono sicura che quando meno te lo aspetti arriverà la persona giusta, che magari sarà molto diversa da come l’avevi immaginata, ma che ti regalerà un sentimento vero ed incondizionato: senza la paura di un futuro.
    Arriverà amica mia! Ne sino convinta, ma smetti di porti domande e goditi la vita. Non cercare storie serie..quelle arrivano e basta. E poi..essere single non così male..fai quel che ti pare e nessuno può dirti nulla! 😉 SORRIDI E NON ESSERE TRISTE! Non ne vale la pena!
    Ps grazie x il post..ne ho approfittato per uno sfogo.. Si nota?! ;-P

  5. Cara Martina, Io sono un ragazzo, e per anni ho sempre peovato a fuggire dalle cose serie! Facevo il bagnino e saprai che non è mestiere che si accompagna sempre alla serietà nei rapporti.. Però.. Oggi è il nostro primo anniversario di matrimonio, e nostro figlio ha già 1 anno e 4 mesi!
    Morale della storia: Come dice Ale: “Arriverà amica mia!”

  6. È il disagio del mondo, cercasi amore, cercasi comprensione, cercasi affinità ma ci metti il cambiamento del pianeta ci metti la sclerosi multipla o qualsiasi altra malattia, che tutto si forma come una montagna troppo alta da scalare, non ho tempo da perdere, fatico a pensare a me come posso pensare al mio compagno/o, espressioni ripetute per togliersi da un impiccio che causerebbe una pazienza troppo grande, quando basterebbe ci fosse Amore. Non sono Confucio, colui che aveva ragione in ogni cosa che diceva, ma sono una persona che ha un pensiero e gli piace esprimerlo…..Il festeggiamento per i 50 anni di matrimonio si faceva 2 generazioni fa, non è più di moda il comandamento “nella gioia e nel dolore”, prima viene la mia vita, poi vediamo se c’è posto anche per te!! È necessario prendere il bello del momento e sopprimere la frustrazione e la disillusione che ogni amore ti porta. Non è facile, ma si deve-… Ciao Martina un abbraccio

  7. Le storie, gli amori … a volte finiscono. Capita questo praticamente a tutti, stampelle o meno, SM o meno…può capitare dopo mesi, anni, decenni. Con questo ovviamente non voglio dire che sia il fato a decidere.
    Pensare che se una storia finisce la responsabilità possa essere tutta della sclerosi multipla forse può aiutare a dare risposta nell’immediato ai tanti perchè, ma a mio avviso è davvero poco utile a medio-lungo termine. Perchè non permette di pensare a cosa non ha funzionato nella relazione tra due persone. Partendo da un presupposto fondamentale e cioè che nessuno dei due è sbagliato a priori (tutt’al più è l’incontro che non ha funzionato) ragionare senza mettere in primo piano la SM o le stampelle ecc.
    è più utile a capire cos’è che non è andato bene. Altro presupposto fondamentale è che se una storia va bene o va male non è mai solo una persona a determinarlo! Ma questa riflessione, per essere davvero utile, dovrebbe lasciare da parte qualunque sapore accusatorio e autoaccusatorio. Dovrebbe servire per il futuro, per l’incontro giusto…se ci si rendesse conto che tutti quei castelli che già stavano nella mente era più un nostro bisogno di pensare al futuro in un certo modo? Se ci si rendesse conto che prevale il bisogno di innamorarsi…voglio dire bisogni legittimi e importanti, ma non sempre permettono l’incontro reale con l’altro.

    Allora mi ripeto: le delusioni in amore capitano a tutti, proprio tutti. E questo non fa che sottolineare che non ci sono differenze.
    Se fossero rimasti solo per la SM o le stampelle sareste stati felici? vi sareste sentite riconosciute e amate come persone?

    Non dico questo per essere dura ma per lanciarvi un messaggio diverso: non mettete la SM al centro! So per certo che non lo fate in tanti ambiti della vostra vita e sono sicurissima che vi innamorerete, amerete e sarete amate!

  8. Avatar Sognatrice cinica Reply to Sognatrice

    A volte la risposta giusta è quella più semplice 🙂
    http://www.youtube.com/watch?v=f7AD8Tnwbfk

  9. La paura di rimanere sola e la voglia di trovare l’amore ti accecano gli occhi e non ti fanno riconoscere subito gli stronzi che incontri,anzi ti fanno stare ancora di più aggrappata al sogno. Marti AMA TE STESSA e manda a fanculo di più senza paura di perdere gente che nn ti merita. Vincono loro ogni giorno che tu ti senti male, quindi BASTA.

  10. Leggendo tutti i post mi sono sentita meglio, sarà l’antico e crudele proverbio “mal comune…” ma vi ringrazio tutti, mi sento davvero meno sola. Io sono stata mollata dopo 13 anni di cui 4 di convivenza (ho vinto qualche cosa??:)), lui ha iniziato ad allontanarsi da quando sono iniziate le mie difficoltà nel camminare. Difficile non dare la colpa alla SM. Certo è che da allora la malattia è peggiorata in modo esponenziale, anche se vivo felicemente in modo indipendente e finalmente ho un lavoro. Ma la ferita deve ancora rimarginarsi.

  11. Ciao ragazzi, io non sono malata di sm ma dopo tre anni di matrimonio si è ammalato mio marito, non ho mai pensato di lasciarlo, mai dico, per la malattia, è assurdo, certo ho la morte nel cuore perché è una malattia tremenda ma quel che ho sempre fatto è pensare che non è colpa sua, è solo un ostacolo della vita da affrontare insieme, e se mi fossi ammalata io? Beh, l’amore va oltre, chi si ferma di fronte a questa malattia idiota non sa evitando non eviti tutti i problemi del mondo, magari te ne arriveranno di diversi ma sempre pesanti magari sarà solo e lì capirà la vita veramente com’è, ogni rosa ha spine, anzi, più bella è e più spine ha… Con questo chi si ferma davanti ad una malattia vuol dire che non vi merita e queste persone mi fanno solo pena perché non sanno quante occasioni si perdono nella vita. Con questo dico che non me ne frega niente se mio marito ha o non ha la sm, lo amo lo stesso, anzi siamo più uniti di prima.
    Ciao a tutti. (p.s. Scusate dello sfogo)

  12. c’è anche chi è fin troppo sincero a non lasciarti neanche il beneficio del dubbio sul perchè finisce la storia..ma in ogni caso, considerando che il 90%delle volte secondo me finisce sempre a causa di una terza (la maggior parte delle volte è donna e troia..:P), credo che non si devono fare troppo domande..perchè sono SOLO maschi..:P:D!!quidni l’unica soluzione è “relax,take it easy..”:))):*

  13. Ciao Vale!!! Io penso che la nostra metà la possiamo trovare quando lui saprà vedere oltre…leggere veramente nel cuore e nelle nostre menti…sicuramente dirgli quasi subito della SM…se è intelligente, se ha le p…e e ti vuole veramente non scapperà!!! Se non fosse così meglio perderlo che trovarlo!!!! IN BOCCA AL LUPO!!!Quando meno te lo aspetti arriverà!!! un bacione!!!

  14. sorry anche da parte mia…Martina!!! scusa per Vale…ma come mai???

  15. Marti hai toccato un argomento che tocca tutti direi…prima o poi. L’amore arriva, ti avvolge, ti riempie di speranze e progetti, di dubbi e paure, di gioie e di tristezze …arriva …a volte resta a volte se ne va, a volte cambia a volte cambia noi nel profondo. Tutto questo che stai passando ora ti sta già preparando per un nuovo amore con te piu forte e consapevole di quello che vuoi senza accontentarti di quello che ti capita …quando meno te lo aspetti te lo troverai davanti…smack sissi

  16. Grazie a tutti per aver condiviso le vostre esperienze. Mi sento meno sola. Non è facile ma cercherò di fare tesoro dei vostri consigli!!!

  17. scusa x l’interruzione,volevo soltanto dirti che visto che l’amore e’eterno finchè dura,come diceva un film,credo che nel momento in cui c’è’,non esistono ostacoli e pregiudizi nei confronti della persona amata. Quali che siano le motivazioni,cmq non ti meritavano.
    Se hai motivo di pensare che sia dovuto alla ns SM,tutto sommato meglio perderli,neanche tu li meritavi.
    Non avere senzi di colpa,tornerai presto a sorridere.Devi.un abbraccio.

  18. Io non do la colpa esclusivamente alla SM e capisco anche che se si comportano così evidentemente non fanno per me ma quello che mi chiedo a questo punto è: “Li trovo tutti io?”. Se il problema è la SM e non si sentono in grado o pronti ad affrontare la cosa non si dovrebbero proprio “confondere” con me visto che non nascondo il fatto di avere la SM e si vede pure. Se invece sono loro che devono schiarirsi le idee secondo me dovrebbero risolvere i propri problemi prima di coinvolgere altre persone, me in questo caso, per poi farle soffrire.

  19. ……vi leggo e come sempre e’ molto piacevole……..ma quante paranoie ci fa fare questa simpatica SM?????????? una cifra………..una cifra…………..;-)
    tanti timori e dubbi sono comprensibili al cento per cento, sono i dubbi che vengono anche a me sapete, la paura della solitudine molte volte e’ cosi forte e impetuosa……
    Ma dopo molti anni di Sclerosi multipla ora mi sento un po’ piu’ corazzata e penso……riusciamo a spostare un po’ l’attenzione in altre nostre caratteristiche???????
    Focalizziamo sempre tutto su di lei…….ma puo’ essere semplicemente che le persone conosciute non sono proprio un granche’??? puo’ essere che non gli sia piaciuto ad un ipotetico amore il nostro carattere? i nostri difetti? puo’ essere che si sia accorto che gli piacciono piu’ le more e noi siamo bionde??????? 😉
    Scherzo non per sminuire la grande importanza della sclerosi multipla nelle nostre vite e nei nostri rapporti affettivi che indubbiamente ha grande importanza ma per sottolineare che anche le “sane” vengono lasciate e trattate a pesci in faccia!!!!!!!!!!!
    Marti mica puo’ essere che questi erano terribilmente scemi e nient’altro????????? 🙂
    Un abbraccio a tutti voi che siete DELLE GRAN BELLE PERSONE!!!!!!!

  20. A me è successo l’opposto, il mio ex ragazzo, che amo alla follia, è malato di S.M. ed è stato lui a lasciarmi senza una spiegazione, dicendomi cose orribili in modo da farmi allontanare da lui. Mi mando perchè. Se lo ha fatto per “amore” per non farmi essere la sua “infermiera”, allora io dico che non lo vedo come un fatto di amore ma di egoismo puro perché ha deciso lui della mia vita e non ha fatto decidere me.
    Mi domando come mai?

  21. Secondo me la causa non è da attribuire alla SM ma al fatto che sono uomini … e loro lasciano così da vigliacchi, sia che una donna sia malata sia che sia sana. Loro lasciano così, quando hanno il coraggio di lasciarti, perché ci sono uomini che spariscono senza neanche avere il coraggio di dirti le solite scuse.

  22. Ciao Martina, è successo anche a me in passato però ancora non ero sotto controllo per la demielinizzazione. Quello non centra, troverai comunque la persona che non scapperà ma ti terrà la mano anche nelle difficoltà. L’amore è il coraggio di saper combattere insieme. Arriverà tranquilla : )

  23. Ho lasciato io mio marito .. dopo 2 anni di convivenza, 4 di matrimonio, in tutto 11 anni insieme!! Probabilmente la SM ha contribuito, anzi è stata la causa.
    Dalla diagnosi della malattia ho iniziato a fare tutte quelle cose che gli impegni quotidiani avevano accantonato. Uscite, divertimenti, impegni, contatti con amici, sms, facebook, serate… ma mio marito della sua vita e delle sue abitudini non ha compromesso una virgola. Non lo accuso di non amarmi, lui a modo suo lo fa. Ripete sempre che la malattia non ha mutato i suoi sentimenti nei miei confronti e posso assicurarvi che è vero. Sono io che ho ritrovato me stessa, mi sono resa conto che in tutti questi anni sono cambiata per lui: palestra e tantissimo sport, patente e acquisto della moto a soli 21 anni, passione per il ciclismo…ma in tutte queste cose, che iniziavo per poterle condividere con lui, mi ritrovavo poi da sola, perchè il mio livello era nettamente inferiore. Quando la SM mi ha fermata, ho iniziato a riflettere a pensare a me stessa, ad essere più “stronza” ed egoista e a capire che dovevo riprendere in mano MORENA finchè l’ abilità motoria non è ancora precaria. La paura è tantissima, l’idea di iniziare una vita da sola, dove il futuro è decisamente più incerto che in altre persone, non è facile. La paura che una persona, un nuovo compagno possa accettare la SM c’è, ma non sempre le storie finiscono solo per i problemi legati alla malattia stessa. Credo che AMARE noi stessi, viverci pienamente sia il punto n.1, trovare il sorriso n.2, serenità e pace n.3. DA quando ho preso questa strada non mi fermerei mai, la stanchezza mi blocca, ma a volte faccio finta di non sentirla e cerco di andare avanti finchè devo per forza arrendermi !!! Spero che questo ottimismo resti con me e non mi abbbandoni MAI! Un abbraccio forte e tutti

  24. Grazie Morena! Il tuo commento esprime tanta forza…spero di riuscire a trovare tutto questo anche io in me stessa e poi forse riuscitò anche a trovare la persona giusta con cui condividere la vita!!
    Un abbraccio

  25. solo per chi e’ ammalato di SM…
    la patologia puo’ essere:
    I tipo “singolo episodio”
    II tipo “remissiva remittente”
    III tipo “progressiva”
    IV tipo “secondariamente progressiva”
    ovviamente le differenze ci sono eccome….ma…dovremmo porci (sempre alcune domande)
    1° domanda “se non mi fossi ammalato/a cme mi sarei posto nei confronti della SM?”
    2° domanda “se non fossi malato…starei con una persona malata?”
    RAGAZZI…BISOGNA ESSERE REALISTI…
    Questo non e’ il mondo delle favole…e…per quanto sia dura da digerire…la maggior parte di noi…messi dalla parte opposta si comporterebbe nella stessa maniera…vala a dire scappando…
    Ma forse…da parte nostra…varrebbe la pena di viverla diversamente…bisogna essere migliori…non dobbiamo cercare chi “vada oltre”…dobbiamo essere noi ad andare oltre…e non sto parlando del mero “atto fisico”…mi spiego…definiamo “l’amare una persona”: amare una persona vuol dire (a mio parere) “anteporre i suoi bisogni ai nostri”…quindi…se una persona “ci amasse” e noi “la amassimo”…proprio perche la amiamo…non dovremmo permetterle di stare con noi…(ovviamente il tipo di SM…influisce…)

Rispondi

Ho preso visione dell’Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali