L’arte di fare spazio si chiama Space Clearing

Avatar

Oggi vi voglio parlare dello Space Clearing, il “fare spazio” come metodo.

Si tratta di una vera e propria disciplina, figlia del Feng Shui, che insegna a libersi di tutte quelle cose poco utili e poco utilizzate che si accumulano nelle case di chi è incline a conservare tutto.

Non sono una praticante di questa disciplina ma la curiosità mi è nata leggendo un articolo di giornale e ripensando a quante volte nell’iniziare un compito che richiedeva concentrazione, o anche solo cercando un pò di relax, mi sia sentita infastidita dalla miriade di oggetti, fogli, cartelle, cartelline fuori posto…attenzione non parlo di ordine maniacale! Diciamo però che non mi rispecchiavo nell’ambiente che avevo intorno. L’impressione era quella di non riuscire a fare ordine nei pensieri se lo spazio fisico era troppo caotico.

E poi avete presente quella sensazione di liberazione di quando, rimettendo in ordine, si butta una bustona piena di cose che non servono più? Non so a voi ma personalmente mi rasserena.

Poi non è detto che si debba mandare tutto al macero, con un pò di creatività molte cose possono trovare un utilizzo diverso o essere donate a qualcuno che potrà continuare ad usarle.

Ora, lo Space Clearing ha proprio delle “regole” o meglio delle mosse consigliate…penso che gli darò un’occhiata e prenderò qualche spunto!

4 commenti

  1. Proprio oggi Silvia guardavo la mia stanza..un delirio! e come ogni volta mi ripropongo di mettere un pò d’ordine e ma solo pensiero di non sapere da dove iniziare fa si che ordinare la stanza rientri puntualmente nella mia enciclopedia di rimandi!..ho letto anche l’articolo a cui fai riferimento e ho capito che il mio problema sta al punto numero 6″..Dopo aver deciso cosa buttare e cosa tenere, non tornate a chiedervi: Potrà mai servire? La risposta sarà immancabilmente forse, e così non getterete mai via nulla. Il modo migliore è chiedersi: come mi potrà essere utile? Serve a migliorare i miei livelli di energia o mi fa sentire depresso ogni volta che lo vedo? Adottatelo come unico metro di giudizio..”Quindi per evitare una depressione cronica guardandomi intorno inizierò a buttare qualcosa..senza conservare lo scontrino di 5 anni fa perchè non si sa mai..i bottoni di una vecchia camicia per fare un bracciale nella prossima vita..etc etc..ce la posso fare..magari domani!:)

  2. @ila: il tuo commento è stupendo!!!! fantastica!!!!
    @silvia:articolo particolarmente interessante vito che tra qualche giorno inizia il cambio di stagione (e come al solito la mia camera sarà un campo di battaglia!!!!)

  3. ….non parliamo di ordine e di spazio… ultimamente sto avendo delle manie assurde. sono in fissa persino con l’esatta simmetria delle coperte e delle lenzuola del mio letto… altro che space claring.. sto vintendo psicotica???!! ahahaha

  4. Grazie Silvia, dovrei prendere spunto dal sito per fare un po’ di ordine in camera 😉
    A proposito della rasserenante sensazione di liberazione nel gettare ciò che non serve più, quando frequentavo l’università lasciavo per casa centinaia di fogli di brutta con conti e diagrammi di Feynman per poi disfarmene solo dopo aver superato l’esame. Un modo come un altro per scaricare la tensione e dire “evvaiii, anche questo è fatto!”.

Rispondi

Ho preso visione dell’Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali