“Io non rinuncio a sorridere”

GiovaniOltrelaSM

La storia che vi proponiamo oggi è quella di Pasqualina, un racconto pieno di speranza, fiducia negli altri e di fede. È una vera combattente. “Tu hai scelto me, cara sclerosi multipla, ma io ti mostro come si lotta”

Ricordo come se fosse ieri quella mattina del 2 luglio 2017,  in cui mi svegliai e all’occhio destro vedevo tutto abbagliato. Ma, presa dalla mia vita, dal mio lavoro, pensavo: forse è un’impressione.

Fortunata io, che sono circondata da persone che mi vogliono bene e nessuno sottovalutò quel fastidio. Visite, ricoveri e poi la scoperta, ricordo ancora la dolcezza del medico, usando questa espressione: “signorina , siamo entrati nel tunnel della sclerosi multipla“.

La mia reazione? Un sorriso! E sì, perché io ho un grande dono: la fede. Credo fermamente in Dio, alla sua volontà, e che nulla succeda a caso. Pronta ad affrontare questa nuova sfida e pronta a condividerla con questa nuova compagnia di viaggio.

Cambiamenti? Parecchi, ma mai per un attimo ho pensato di fermarmi. Eh già , siamo nel 2019 ma una cura non esiste, abbiamo modi per rallentarla ed a me è toccato l’interferone, iniezioni tre volte a settimana , 8 secondi di dolore, ma poi si ritorna alla normalità. Perché a 27 anni la vita non si ferma, non aspetta che tu ti rialzi , lei continua a scorrere ed io non voglio fermarmi. L’ho accettata e piano piano ho imparato a conviverci, perché a volte rallenta lei a volte rallento io, ma non sempre la lascio vincere.

E sì, perché io non rinuncio ad una serata con gli amici, anche se è la sera dell’iniezione, basta dire: “ragazzi, faccio l’iniezione ed arrivo”, perché gli amici, quelli veri, capiscono. Non ho rinunciato alla vacanza, anzi. Tu hai scelto me, mia cara sclerosi multipla, ma io ti mostro come si lotta.  Gli occhi di mia mamma che ogni mattina mi chiede: come stai? Hai dormito ? La voce rassicurante della mia amica fidata che nelle sere dove lei si fa sentire, senza chiedere nulla, dice: “salta di là, stasera guido io”, rassicurandomi solo con la presenza. Questi sono semplici motivi che ti danno ogni giorno la forza di lottare.

Le ricadute, la stanchezza, la paura del domani, sono situazioni comuni a tutti noi che condividiamo la nostra vita con questa compagna di viaggio che non ci siamo scelti. Ma mi sento di dire, a chiunque leggerà questa testimonianza, che nella vita mai e poi mai bisogna perdere le speranze, perché anche nella situazione che ci sembra più disperata, c’è sempre un motivo per cui vale la pena sorridere!

La vita, resta un dono meraviglioso.

Pasqualina T. 

13 commenti

  1. Forza Pasqualina siamo più forti e non ci arrendere o a niente salteremo tutti gli ostacoli con la Forza del Nostro Signore.

  2. Grandissima! È proprio vero. Con due bambini piccoli guai a me se mi fermo a pensare al domani. Mi ha cambiato forse in questo. Godere dei momenti positivi. Buon proseguimento!

    • Brava Lorena! E brava Pasqualina! Questo deve essere lo spirito. Anche io avevo due bambine piccole 22 anni fa quando mi hanno diagnosticato la SM ..tante cure tante ricadute ! Ma non mi sono Mai! Dico Mai arresa! Avanti cosi’ la vita e’ una cosa Meravigliosa! Nonostante la SM!

  3. Brava, così si fa, si lotta sempre e comunque….

  4. Almeno nei rari momenti che ci troviamo a parlare da soli abbiamo un’amico immaginario,anche se è reale,che ci risponde a suo modo…hahaha…a me piace vederla così…

  5. C’e’ poco da commentare.Era l’agosto dello stesso anno,quando mi hanno consegnato il regalo.Cavoli che regalone.Interferone.Fatto.Notti insonne.Fatte.Paura.Mai un secondo.E a 42 anni,solo poche parole:

    Fidati.

  6. Lucia Pasqua Reply to Lucia

    Ciao pasqualina io ho 44 anni e una mattina dei miei 21esimo anno non riuscivo ad alzarmi dal letto. In 20 anni di progressi farmacologici ne sono stati fatti e anche io come te ogni passo che la malattia mi fa fare indietro..io ne faccio 2 in avanti. Un abbraccio

  7. Mi hai commossa! È la mia stessa storia, è la nostra storia! ❤️ Forza, coraggio e fede, per chi ce l’ha, non devono mancare mai!!

  8. Monica Grassi Reply to Monica

    Cara Pasqualina la pensiamo nello stesso modo. Lei Sua Maestà, la mia amata peggior amica, ha il potere di farsi sentire nei momenti di serenità. Ma ha capito che non mollo. Fede…tanta. Fiducia nelle cure . Ad oggi sono 19 anni e mi sento fortunata. Non posso dire che c’è l’accettazione completa ma una sana convivenza.

  9. Brava Pasqualina coraggio k cosi vai avanti sei un mito

  10. Angela Murgia Reply to Angela

    Brava Pasqualina,io ho quasi 51 anni e proprio come te nel luglio del 2017 ho avuto anche io lo stesso regalo. Devo essere sincera,io non reagito come te,tu sei una grande! Però senza volerlo, abbiamo usato le stesse parole e cioè che un giorno vince “Lei” e quello dopo invece vinco io ! Continuiamo così, è l’unico modo x farci forza,x fronteggiare una situazione che x ora non ha una via d’uscita … Ancora brava❤

  11. Giacomo Cacciatore Reply to Giacomo

    Diciamo che è l’occasione per vivere una vita alternativa. Più umana,
    oggi. Avvicinamento alla fede compreso.

Rispondi

Ho preso visione dell’Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali